X
(+39) 035.386.453 info@ecocafe.it

Millegradini 2018: 9.000 volte grazie!

Emozionante, sincera, amata e resa unica da una partecipazione straordinaria: a molti era chiaro che l’edizione 2018 della Millegradini avrebbe battuto ogni record, fin da quando, dopo il primo tutto esaurito online, anche i 250 biglietti aggiuntivi erano andati a ruba. Ma nessuno era davvero preparato a ciò che poi è avvenuto.

Dalle 7 del mattino di domenica, di fronte alla sede de L’Eco di Bergamo si è riunita una gran folla: magliette esaurite, ma per gli ultimi arrivati ciò non ha costituito in problema, è bastato assicurarsi la possibilità di prendere parte alla camminata. In un clima di gioviale serenità, famiglie, gruppi di amici, giovani e meno giovani, studenti e pensionati si sono messi fianco a fianco nei pressi della partenza, aspettando il segnale del via.

L’allegria della voce di Juri Pianetti, presentatore delle due diverse gare cronometrate, ha riempito l’aria, mentre una dopo l’altra le molte coppie di atleti lasciavano il piazzale per avventurarsi in corsa lungo il percorso rosso, seguite dai corridori della gara individuale. È stata poi la volta del sindaco Giorgio Gori, in tenuta sportiva e scarpe da corsa, giusto il tempo di salutare il pubblico e augurargli una buona passeggiata. Le ore sono volate ed ecco sopraggiungere già il momento tanto atteso: l’agognata partenza.

Al primo segnale, un fiume di magliette gialle si è riversato su viale Papa Giovanni XXIII: migliaia di volti e di storie, per un esercito in cammino in grado, in pochissimi minuti, di riempire ogni angolo, ogni via della città, punteggiando monumenti e strade di colore. Gli organizzatori prima e i media poi hanno parlato di 9 mila persone e, per tutti coloro che si sono trovati nel bel mezzo della folla, non sarà certo difficile crederlo.

“Straordiaria” è l’unico aggettivo che possiamo impiegare per descrivere l’affluenza che ha interessato le visite ad ogni singolo monumento, museo o edificio della città, con oltre 40 diversi luoghi culturali aperti al pubblico, tra i quali anche gioielli generalmente non visitabili. Occhi puntati in alto, bocche aperte e una rassegnata pazienza di fronte alle inevitabili code che hanno interessato alcuni punti del percorso.

Tante le storie emerse tra gradini, parchi e saliscendi: genitori convinti a prendere parte alla camminata dai figli, ex abitanti locali in visita, habitué dell’evento e new entry sorprese di fronte a tanta gente e tanta ricchezza. Il traffico cittadino non ha potuto che chinarsi di fronte alla folla: autobus pieni e lunghissime file di fronte alla funicolare hanno portato molti a preferire la panoramica passeggiata per le scalette, nonché percorso privilegiato degli itinerari. Anche qui, pienone di gente, ma senza fretta, gradino dopo gradino sempre più in alto verso Città Alta. Centinaia i volontari lungo il percorso per condurre i camminatori sulla retta via, o per distribuire cibi e bevande nei punti ristoro.

A Colle Aperto, per accogliere gli avventori ecco spuntare lo stand de L’Eco café, perfettamente calato nel clima gioviale della giornata. Più di mille i caffè serviti e firmati dal gusto inconfondibile della Torrefazione Artigianale Poli, mentre sono letteralmente andati a ruba i gadget di Zafferano Leprotto: 10 palloni e centinaia di frigo box e ricettari sono stati vinti dagli ospiti del salotto a cielo aperto, con una pesca gratuita sotto il marchio inconfondibile del giallo zafferano.

Grandissima protagonista anche la nuovissima Volvo V60 presentata da Volvo Iperauto Bergamo, che insieme a musei e monumenti ha aperto le sue porte per essere ammirata anche dall’interno. Sotto il sole scintillante di metà settembre, la Volvo V60 ha abbagliato con la sua bellezza e le sue linee che ne fanno un autentico gioiello di funzionalità e stile. Non dimentichiamo poi l’enorme successo dei giochi in legno dell’Associazione Culturale Dindoca, in gran numero per la Millegradini, ubicati nel panoramico balcone affacciato sui morbidi profili collinari circostanti. In questa cornice unica, i volontari dell’associazione si sono affaccendati per illustrare le regole dei vari giochi storici agli ospiti, dando a grandi e piccini l’opportunità di riscoprire una tradizione ludica che non sembra subire l’usura del tempo.

Per concludere la ricchissima offerta della redazione itinerante de L’Eco di Bergamo, presenti anche copie gratuite della rivista Orobie, Cartoline storiche Storylab con tutti gli scorci più belli della città, la pagina d’epoca dedicata a Città Alta e le immancabili offerte «Abbonati Premiati» con un biglietto omaggio per Leolandia ad arricchire l’offerta abbonamento di tre mesi a L’Eco di Bergamo.

Tags:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi