X
(+39) 035.386.453 info@ecocafe.it

STORYLAB RACCONTA…L’ALZANO DEL PASSATO

L’attività di produzione del cemento ad Alzano Sopra, per opera della Famiglia Pesenti, ebbe inizio sull’eco delle fortunate imprese già avviate a Palazzolo e Scanzo. La vera svolta risale al 1883 quando l’ingegnere Cesare Pesenti, dopo la laurea in ingegneria meccanica conseguita in Germania, rientra ad Alzano ed avvia una vera e propria rivoluzione nell’attività.

Nello stesso anno inizia l’impianto di quello che diventerà il monumentale cementificio di Alzano Sopra con la realizzazione dei primi forni di cottura del cemento. Nel 1884, grazie all’entrata in funzione della nuova ferrovia della Valle Seriana, fu costruito il primo nucleo di magazzini, destinati ad ospitare lo stoccaggio dei sacchi da avviare al mercato mediante il servizio ferroviario.

Nella metà degli anni Novanta vengono realizzati importanti lavori di ristrutturazione ed ampliamento con la costruzione di nuovi forni di brevetto tedesco che garantivano una maggiore produzione di cemento. È in questi anni che il cementificio si consolida in due nuclei, uno orientale, dedicato alla produzione, ed uno occidentale, con magazzino e uffici dedicati all’amministrazione e alle spedizioni.

Nel 1894 ha inizio la produzione del cemento bianco, il “Bianco Alzano”, che per Alzano rappresenta una vera specialità.

La produzione di cemento prosegue con successo per tutto l’inizio del Novecento fino al 1966 quando vennero definitivamente spenti i dodici forni. Il Cementificio chiuderà definitivamente i suoi battenti nel 1971.

Oggi la struttura, ancora intatta, costituisce un rarissimo caso di officina per la produzione di cemento naturale. Per questo spesso sono organizzate delle visite guidate che conducono alla scoperta della sua storia.

Tags: