X
(+39) 035.386.453 info@ecocafe.it

Trent’anni nel segno della beneficenza

Adagiato sulle sponde del Lago d’Endine, avvolto dai paesaggi suggestivi della Val Cavallina, sorge Monasterolo del Castello, che nel suo stesso nome riporta traccia delle sue origini. Qui, nell’avvilupparsi di viuzze e stradine del centro storico, è racchiusa la caratteristica via Loj, che presta il suo nome a un’iniziativa capace di fondere tradizione e beneficenza in un unico grande evento: il Mercatino di via Loj. L’idea nasce sul finire degli anni Ottanta dalla volontà delle varie Associazioni del paese di creare un’occasione di solidarietà a livello locale, incentivando un’attenzione sempre crescente verso iniziative ad alto valore sociale.

Con passione e impegno costante, l’evento si è evoluto e ampliato e si prepara in questo 2018 a tagliare un traguardo importantissimo: la celebrazione dei suoi trent’anni. Trent’anni  di beneficenza e dedizione inestinguibile. Trent’anni di spettacoli, prodotti artigianali, musica e giochi. Festeggiamenti coronati dalla decisione degli organizzatori di devolvere l’intero ricavato della festa a due diversi progetti benefici: il primo atto a finanziare la missione di Padre Nino Donda in Senegal e il secondo, a pochi passi da casa, destinato all’Associazione “La Passione di Yara”.

Così, anno dopo anno, il mercatino si è confermato un appuntamento fisso e ogni 14 di agosto, dallo scoccare del mezzogiorno fino al calare della notte, regala a Monasterolo del Castello un’atmosfera del tutto speciale.

La vita del tranquillo comune bergamasco improvvisamente esplode, mentre tutt’intorno, da poco più di mille abitanti, le presenze si triplicano, in un rifluire di volti intenti ad assorbire con lo sguardo tutta la bellezza e la vivacità del borgo, che li abbraccia a ogni passo. Un centinaio di stand si schierano lungo la strada, mentre agli angoli della via e nella piazza acrobati, giocolieri e musicisti danno prova di abilità, saggiando il loro talento. Tra di essi, incontriamo in questa edizione 2018 il gruppo musicale dei Mirage e il liutaio Giacomo Parimbelli, le esibizioni di strada del Duo Edera e di Creme&Brulè e, infine, Janus che con le sue melodie riporta alla luce un piccolo gioiello tra gli strumenti musicali della tradizione bergamasca: il baghet, o cornamusa bergamasca.

D’improvviso però, nella luce crepuscolare della sera che avanza l’euforia lascia spazio a una trepidante attesa: in un clima di stupore e sospensione, la Dama Bianca, figura leggendaria intrinsecamente legata al paese, fa la sua misteriosa apparizione allo scoccare della mezzanotte. A portarne in scena la storia, anche quest’anno è la compagnia GFO (Gruppo Famiglie Oratorio) di Albano Sant’Alessandro, sotto la guida di Giuseppe Nespoli.

Nel gironzolare tra le vie, chissà che non possiate imbattervi nel container de L’Eco café. Qui, all’interno del nostro salotto a cielo aperto, è possibile godere di tutte le attrazioni del Mercatino di via Loj sorseggiando un ottimo caffè offerto dalla Torrefazione Artigianale Poli mentre leggete il nostro inserto. Grandissima protagonista è in questa sesta tappa l’Associazione Culturale Dindoca, di casa a Monasterolo, che, insieme ai giochi de L’Eco café, porta con sé anche moltissimi altri giochi storici, in un’apposita area dedicata ad attività ludiche della tradizione. Ma le sorprese non finiscono: le cartoline storiche di Storylab, la rivista Orobie e la nostra speciale offerta «Abbonati Premiati» con abbonamenti mensili a 55 euro (anziché 82) e in regalo un pass per i parchi CanevaWorld sono sempre con noi.

Trovate il nostro stand martedì 14 agosto in via XI Febbraio, Monasterolo del Castello, dalle 12.00 alle 24.00.

Tags: